Scroll to Content

Thanks! al cinema

Fil e Charlie (Antonio Folletto e Massimiliano Setti), entrambi trentenni, coltivano marijuana nell’appartamento in cui vivono al terzo piano di un condominio fatiscente, situato in un quartiere degradato della periferia di una città del nord Italia. Dopo aver spacciato in strada per diversi anni, hanno deciso di dare una svolta definitiva alle loro carriere e grazie alla fidanzata di Fil, Ysabel (Maria Chiara Augenti), sono da poco entrati in contatto con Miguel, un maldestro narcotrafficante del Costa Rica disposto ad aiutarli a concretizzare il loro folle progetto: aprire il primo coffee shop al mondo in mezzo alla giungla del Costa Rica dando vita ad un business, a parer loro, rivoluzionario.
Ysabel, Fil e Charlie decidono quindi di tentare l’assurdo colpo della loro vita: coltivare e incrociare tra loro le migliori specie di piante esistenti, per ottenere i semi rari da esportare nel paradiso centroamericano.

L’ultimo tentativo di eludere i controlli dei poliziotti aeroportuali però non va a buon fine: gli ovuli contenenti i semi di marijuana che avevano introdotto nel corpo della piccola Lilly, la cagnolina di Ysabel, ha fatto scattare l’allarme del metal detector dell’aeroporto e la povera bulldog francese è scappata impaurita dileguandosi nel nulla e mandando, di fatto, tutto in fumo.
Ma il destino presto corre loro in soccorso ed ecco che, quasi subito, conoscono per caso Wanda (Francesca Turrini), un’insospettabile “cicciona”, insicura e con una storia personale fallimentare, che immediatamente diventa il nuovo “contenitore” di ovuli della banda.
Con la complicità della madre di Fil, Lucia (Beatrice Schiros), una cinquantenne ludopatica appena uscita da una clinica per disintossicarsi dal gioco, Fil e Charlie preparano Wanda per il grande viaggio. Tutto si complica, però, quando dopo quindici anni di assenza, torna a casa Annalisa (Luca Zingaretti), padre di Fil ed ex marito di Lucia, diventata nel frattempo una transessuale…

 

 

APPROFONDIMENTI

Note di regia

Thanks! nasce come spettacolo teatrale. Ho deciso di trasformalo in film per raccontare anche cinematograficamente quel mondo marginale e poco esplorato dal cinema italiano, attraverso i modi di una commedia amara, cinica e lontana da ogni tentativo di lettura politicamente corretto della realtà. Attraverso le tormentate vicende di una famiglia sconclusionata e decisamente sopra le righe, cerco di dar voce a cinque personaggi vinti dalla vita, apparentemente in continuo conflitto l’uno con l’altro ma, in realtà, carichi di ironia ed umanità. Una commedia feroce e maleducata che vuole scavare nelle profondità della società italiana, fino ad esplorarne, con divertimento, le sue zone più oscure e difficili. Una favola metropolitana contemporaneamente reale e grottesca che potrebbe svolgersi ovunque, in quanto la sua forza principale risiede nella specificità dei personaggi, nelle loro relazioni, nei sogni di riscatto sociale che li animano ma, soprattutto, nell’universalità dei loro sentimenti e del loro dolore. Ho voluto dar vita a un film “nervoso” ed estremamente veloce che segue sempre da vicino i suoi personaggi senza mai staccarsi dalle loro storie.

Gabriele Di Luca

 

Note di produzione

Thanks! è un’opera prima, una commedia irriverente, divertentissima e politicamente scorretta che racconta un mondo di personaggi che, in un modo o nell’altro, vengono traditi e feriti dall’amore, dai rapporti con la propria famiglia e dal proprio passato. Il film si svolge tra gli interni, principalmente la casa del protagonista Fil, e il mondo esterno, una periferia malfamata e anonima abitata da personaggi strambi e divertenti. È un film con grandi aspirazioni: il progetto ha infatti attratto e coinvolto attori di grande calibro ed esperienza che hanno desiderato partecipare con grande entusiasmo al film. Primo fra tutti Luca Zingaretti nel ruolo di Annalisa, una trans che riscopre l’amore per la propria famiglia dopo molti anni di assenza, anche se ormai il legame con la setta religiosa che l’ha accolta e con la quale vive è difficile da spezzare. Non sono da meno Antonio Folletto, l’indimenticabile “principe” in Gomorra, nel ruolo del protagonista del film, e Claudio Bigagli, memorabile per la sua interpretazione nel film Premio Oscar Mediterraneo e qui felicemente prestato al ruolo di un divertentissimo senzatetto in cerca di affetto. A loro si aggiungono, formando una squadra di attori affiatata ed efficacissima, anche Beatrice Schiros, Massimiliano Setti e Francesca Turrini, protagonisti anche dello spettacolo teatrale da cui il film è tratto: Thanks fo Vaselina, ormai diventato un cult indiscusso del teatro italiano.