Robe dell’altro mondo


Il lavoro si sviluppa intorno alla tematica “paure metropolitane” ovvero l’insieme delle paure, delle fobie e delle tensioni sociali e individuali che innegabilmente caratterizzano e condizionano la nostra quotidianità e la qualità delle relazioni. Pregiudizio, intolleranza, sospetto, insicurezza, solitudine, terrorismo ideologico come elementi che costantemente influenzano un tessuto sociale sempre più fragile e disarmato.
In un mondo incrinato da una profonda crisi economica, sociale e umana, dove ogni via d’uscita sembra ormai perduta, l’unica speranza di salvezza è rappresentata dagli Alieni, da qualche tempo sulla terra per aiutarci a risolvere i nostri problemi più gravi. Inizialmente percepiti come un miracolo vengono poi demonizzati, strumentalizzati ed eliminati da chi detiene un potere costituito privo di alcun interesse al cambiamento. I notiziari in sottofondo accompagnano la trama, raccontando le contraddizioni e le distorsioni del nostro tempo, specchio di una società ridicola e invasiva, nella quale il fatto diventa notizia, la notizia pettogolezzo, il pettegolezzo verità.

drammaturgia Gabriele Di Luca
regia Alessandro Tedeschi, Gabriele Di Luca, Massimilliano Setti, Roberto Capaldo
interpreti Gabriele Di Luca, Giulia Maulucci, Massimilliano Setti, Roberto Capaldo
musiche originali Massimiliano Setti

luci Diego Sacchi
costumi Nicole Marsano e Giovanna Ferrara
disegni e locandina Giacomo Trivellini
organizzazione Luisa Supino
prodotto da Carrozzeria Orfeo
con il sostegno produttivo di Residenza Idra
in collaborazione con Teatro Excelsior di Reggello, La Corte Ospitale, Benevento Città Spettacolo
con il contributo di Fondazione Cariplo

Leggi la critica di questo spettacolo >

 


Altri Spettacoli


Loading